Un piccione seduto su un ramo riflette sull’esistenza – Roy Andersson

Due venditori di denti finti da vampiri e maschere di carnevale incontrano diversi personaggi e storie che si alternano in una narrazione fatta di piccoli episodi brevi e..non c’è molto altro da dire, meglio guardare il film (forse).

Film vincitore del Leone D’oro al Festival del Cinema di Venezia 2014 per la categoria miglior film e osannato dalla critica in maniera quasi unanime, lascia oggettivamente abbastanza perplessi e sembra più che altro uno di quei prodotti fatti apposta per massacrarsi di rasponi intellettuali (che in effetti era pure l’intenzione di partenza di questa visione) e far parlare inutilmente Continua a leggere

Invalidità, Mirò e McCurry

Lo ammetto, invalidità è una parola grossa ma “indisposizione” non mi piaceva, “infortunio” nemmeno e quindi ho scelto “invalidità” (aggiungerei anche “temporanea” [un paio di giorni non di più]).

Dunque, a causa di una leva articolare troppo decisa subita al braccio, durante  l’allenamento di giovedì, ho deciso (in realtà ho il gomito un attimo bloccato e con la scioltezza di robocop, non avevo grandi alternative) che sabato era il caso di stare fermo e non fare nessuno sport. Quindi ho improvvisato e me ne sono andato a fare giornata a Genova con l’intenzione di guardare McCurry e fare due foto.

Alla fine ho visto anche Mirò  Continua a leggere