Perché NON guarderò più le serie TV

Bart : <<No, non fumo.>>

Lucia : << Perché? C’è un perché si fuma e un perché non si fuma.>>

*************************************************************************************************

Ormai è dalla fine della sesta stagione di The walking dead, per inciso una delle più inutili mai viste in cui per 16 puntate non succede un cazzo di niente, che la mia frequentazione con le serie TV è stata messa in serio dubbio.

Era cominciato tutto un paio di anni fa con il pretesto di migliorare l’inglese perché qualcuno mi aveva suggerito che con le serie è più facile “ci sia abitua alle voci e poi non è indispensabile capire tutto.” Verissimo. E raccogliendo suggerimenti ho visto tutto Breaking Bad, Sons of Anarchy, The Walking Dead, Shameless, Black Mirror, Mr. Robot, Narcos, Ash Vs. Evil Dead, qualcosa del Doctor Who, di Life On Mars, di American Horror Story e ovviamente mi sono rispolverato Friends per l’ennesima volta perché non mi stanco mai di riguardarlo. Potrei riprenderlo con i dialoghi in russo e comunque saprei di cosa stanno parlando per il numero delle volte che l’ho rivisto.

Poi qualcosa è cambiato.

Vuoi l’ossessione per Continua a leggere

Un bagliore nel buio

Le illuminazioni arrivano all’improvviso.

Intuizione, insight, epifania che dir si voglia, l’idea è più o meno sempre quella.

Durante un ragguardevole viaggio di ritorno a notte inoltrata me ne stavo alla guida della mia autovettura immerso nei miei pensieri ed in particolare ad elucubrare in proposito di questo passaggio degli Eroici Furori :Desideriamo il bello e buono; ma il vedere non è bello né buono, anzi più tosto quello è paragone o luce per cui veggiamo non solamente il bello e il buono, ma anco il rio e brutto. Però mi pare ch’il vedere tanto può essere bello o buono, quanto la vista può esser bianco o nero: se dunque la vista (la quale è atto) non è bello né buono, come può cadere in desiderio?” e su tutte le sue possibili conseguenze gnoseologiche, quando la risposta al quesito immediata arriva sotto forma di un bagliore improvviso, roboante, potente, inevitabile in tutta la sia chiarezza fino a rischiarare a giorno la direzione della strada che stavo percorrendo accompagnato con un bicchierino di cognac da intellettuale bohémien e una buona aria di musica classica…

Ok. La smetto con le cazzate, la realtà è Continua a leggere

#12#

Quale forma di perversione mentale moderna, disturbo di personalità, compulsione o perseveranza senile può spingere un uomo a fischiettare ininterrottamente un fottuttissimo motivo wester (con tanto di acuti!!!!) per un’ora e un quarto di viaggio in treno che non sia la voglia di trasformare un vagone di pendolari in aspiranti serial killer?

Colpo di fulmine

Una folgore d’argento urta
tra i declivi della tua pelle,
persa di brividi elettrici
nell’eternità del tuo sguardo.
Umile, mi disseto Continua a leggere

Filetto al pepe verde

Dopo essermi chiesto “Quanto sarà mai difficile preparare una minestra?” sono passato alla carne, con un bel filetto al pepe verde a prova di idiota accompagnato con carote su ricetta segretissima (in padella).

Ingredienti Continua a leggere

Mattina in bicicletta

Dieci giorni fa ho solo pensato di comprare una bicicletta per dare un senso a certe giornate inutili passate in casa e da quel momento ha piovuto ininterrottamente, con brevi soste per qualche nevicata, fino ad oggi.

Giornata meravigliosa e finalmente posso inaugurare il mezzo.

Lo appoggio un attimo contro la scalinata e subito mi cade a terra.

Cominciamo bene.

Inizio a pedalare Continua a leggere