My Name is Bruce – Bruce Campbell

Un gruppo di ragazzi, nel non sapere cosa fare, decide di andare a trascorrere la notte in un cimitero per pomiciare e magari contemporaneamente distruggere qualche lapide. Uno di loro, Jeff (Taylor Sharpe), inconsapevolmente rimuove il sigillo che tiene il demone cinese Guan-Di (o Quon-Di, qualcosa del genere) confinato in una miniera e permette a quest’ultimo di uscire dal suo contenimento, iniziando così ad uccidere gli abitanti della cittadina di Gold Lick. A questo punto è lo stesso ragazzo, grande fan di Bruce Campbell (sè stesso), a suggerire di rapire l’attore affinché li aiuti a sconfiggere il sopracitato demone cinese. Pensando si tratti di Continua a leggere

Alien Apocalypse – Josh Becker

Un manipolo di astronauti della Nasa ritorna sulla terra dopo una missione durata quarant’anni e trova l’umanità soggiogata da ferocissime termiti aliene ghiotte di legno e di teste, spalleggiate da squadroni di uomini traditori. Dei quattro componenti due vengono immediatamente uccisi (una zoppa e, come dice Ortolani, “il nero muscoloso che poi fa una brutta fine“), si salvano solo il Dottor Ivan Hood (Bruce Campbell) e Kelly (Renee O’ Connor) che vengono ridotti in schiavitù come tutti gli altri. Si sa come funzionano queste cose e, passando le giornate a spostare travi di legno, mangiando della poltiglia giallastra con un mestolo, dormendo stipati in buchi umidi scavati nel terreno, vengono colti dall’estremo erotismo della situazione e finiscono a letto insieme (poi dicono che le ostriche siano afrodisiache). Viene notato il loro tubare insensato durante il lavoro e Continua a leggere