La notte del mio primo amore – Alessandro Pambianco

Mentre un feroce serial killer terrorizza la provincia, Chiara (Giulia Ruffinelli) viene lasciata dal fidanzato Andrea (Luca Bastianello). Decide allora di accettare le avance di Matteo (Damiano Verrocchi) un fascinoso (sigh..) allenatore della palestra che frequenta e di seguirlo in una isolata villetta di campagna rimanendo sola con lui che…e da qui in poi è veramente meglio non guardare il film.

Dopo lo sconforto di un dente estratto e lo svegliarsi con una parotite (nonostante l’abbia già fatta nel ’93) e la faccia gonfia (ormai sembra il leitmotiv degli ultimi mesi) c’èlocandina solo questo film per concludere in bellezza una giornata dalle sfumature abbastanza irritanti ma, come si sa, al peggio non c’è veramente mai fine. E in effetti sono pure al freddo perché il riscaldamento non funziona durante un momento di tempo inclemente (Mi permetto di parlare un po’ dei cazzi miei per riempire qualche riga in più che non saprei come impegnare nel descrivere questo [bleah] film).

Ma cominciamo:

Già dai titoli d’inizio si capisce che si sta per guardare una di quelle robe amatoriali che non sono nemmeno degne del trash più becero ma, del resto, non ci si può lamentare perché la ricerca era ben orientata verso il pattume estremo. Comunque, colto dalla noia dei dialoghi, dal piattume della regia (?), dalla prevedibilità dello sviluppo, dalla recitazione assente e dalla tensione pari a quella che si può provare nel leggere la ricetta della pasta alla Norma o nell’ascoltare la messa domenicale tenuta da un bradipo sotto sedativi, dopo nemmeno 5 minuti mi sto già facendo i cavoli miei e sto cercando informazioni sul regista con il cellulare. Apro la sua pagina wikipedia (già sono stupito che ne abbia una) e inizio a scorrere distrattamente la sua filmografia: 2006 Laimages notte del mio primo amore, [..] 2002 Pinocchio, 2001 Figli/ Hijos (toh, non l’ho mai visto ma mi sembra un titolo famoso..) [..] 2000 Canone Inverso, (ma dai? Eppure la ricordavo diversa..), 1997 La vita è bella (La vita è bella….un attimo….La vita è bella!? Ma che cazzo stai dicendo?) e rimango basito da quanto una voce possa essere scritta a cazzo. Ma veramente. Facendo 5 minuti di sforzo a cercare informazioni si scopre l’ovvio, ovvero che 1) La notte del mio primo amore è l’unico film diretto da Pambianco 2) Ha effettivamente partecipato a tutti i film segnalati, ma come microfonista 3) La partecipazione (questa volta come assistente al suono) a La vita è bella non è nemmeno accreditata. (Fonte).

Ogni altro commento sarebbe superfluo e avrebbe la stessa utilità di un incontro di boxe tra un gufo impagliato e un piatto di fagioli lessi preparati poco prima del Sacco di Roma, quindi non proseguo. Sarebbe interessante parlare di questa figura di serial Killer a mindexetà tra Leatherface di Non aprite quella porta (ma troppo schifiltoso per farsi una maschera di pelle umana e che quindi preferisce ritagliare a pezzi un sacco di iuta per poi ricucirlo tutto insieme [ma metterlo direttamente in testa no?]) e una bisnonna anziana con un orrido gusto nei maglioni ma la verità è che, troppo impegnati nei dialoghi inutili con cui occupare un’ora e venti di tempo, regista e sceneggiatori si sono dimenticati completamente di dare qualche spiegazione in più sul chi fosse e sulle sue serie motivazioni a fasciare donne con lenzuola e inchiodarle al pavimento con una sparachiodi che non fosse affidata a dei ritagli di giornale appesi ad un muro. Manco lo sforzo di fantasia d’inventarsi un dramma personale tipo un litigio con una commessa di lavanderia, con l’omino bianco o coccolino.

C’è qualcosa che si salva? No. Nemmeno la canzone di DolceneraIn fondo alla Notte” che chiude il film. Uno dei punti più bassi del cinema. Persino di quello trash.

Se non sono riuscito a dissuadervi dalla visione chiamate un bravo psicologo oppure evitate di sprecare un’ora e venti della vosta vita, guardate il trailer di 2 minuti e 28 secondi: è esattamente come aver visto il film!

Identico numero di informazioni e in meno tempo.

Giudizio in minuti di sonno : Perché non dormo mai di fronte a queste cagate?

Annunci

Secondo me....

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...