In discoteca

Tu che avanzi verso di me

ondeggiando i tuoi dolci fianchi

raccolti nella vaporosa seta.

Con lo sguardo malizioso

di chi sa cosa vuole.

Ammiccante e voluttuosa,

di corpi caldi e sudati,

il respiro corto

mozzato e affannoso.

Tu.

Si, proprio tu.

Ti levi dal cazzo che non vedo niente?

——————————————————–

Omaggio ad un amico. Non raggiungerò mai le tue vette di poesia.

Annunci

29 thoughts on “In discoteca

  1. Geniale! 😀 eheheheh:
    Pareggia tranquillamente quello che ha fatto un mio conoscente. Al bar, parla con la barista… 30 minuti di discussione, lui annuisce e lei parla a nastro. Passati i 30,40 minuti, il tipo la guarda e dice: “è mezzora che ascolto le tue idiozie, me la vuoi offrire una birra?”.

    Ci sono volte in cui il mio animo diventa quasi tenero ahahahahah 😀

    • ahahahah! Notevole!
      In realtà l’unica volta in cui ho fatto qualcosa di simile era un capodanno da ubriaco. Mi metto a discutere con una cameriera perché entrambi ascoltavamo musica metal e lei si mette a parlarmi di vari gruppi e mi dice che le piacciono gli Iron Maiden. A quel punto mi faccio serio e le dico “A me gli Iron Maiden fanno veramente cagare!”
      Ovviamente poi è sparita.

      • Ahaha… quando mi hanno raccontato questo evento mi sono piegato dal ridere.

        Posso darti tutta la mia solidarietà? A me, gli Iron, non dicono molto… Intendiamoci, hanno dei buoni pezzi, ma non mi hanno mai entusiasmato più di tanto 😀 perciò penso che avrei risposto uguale…

  2. ma che allegra combriccola! ;-)… a me la poesia è piaciuta ma per par condicio mi è permesso volgerla al femminile ? (ovviamente con licenza di delete in caso non ci stia):

    Tu che gironzoli tra i miei fianchi

    guardando un po’ di lato sensuale,

    tu che scalpiti le anche immaginando

    estasianti esiti tra lenzuola ritinte

    tu che appapalestri tartarughe

    come fossero soldati sempre in fila arruolati

    tu che ingolli sorsate eleganti

    e mi vomiti davanti,

    tu che al volante luxury, come pneumatici gonfi l’ego,

    tu che una si e l’altra pure….

    tu, proprio tu… ma vaf…

    (sorry)

Secondo me....

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...