Il numero cento

Le ricorrenze, ma soprattutto il compleanno mi mettono sempre in una situazione di curioso imbarazzo (l’unico punto in comune che riesco a trovare con i Testimoni di Geova) per una quantità di motivi che variano di anno in anno e per la netta sensazione di essere fuori posto e di sentirmi un attimo scemo in mezzo a tutta quella gente che festeggia, perché a volte mi viene il dubbio che non ci sia poi tanto da festeggiare, ma va bene ugualmente così. Tutto questo per dire che oggi accade qualcosa di particolare. Questo che sto scrivendo è il centesimo post. Sento un minimo di pressione ma più di tutto mi dico se sia necessario fare qualcosa per festeggiare l’evento. Non ho mai festeggiato adeguatamente Continua a leggere

In discoteca 2 (al femminile) – di Amor et Omnia

Tu che gironzoli tra i miei fianchi

guardando un po’ di lato sensuale,

tu che scalpiti le anche immaginando

estasianti esiti tra lenzuola ritinte Continua a leggere

Iron man 3 – Shane Black

Tony Stark / Iron Man (Robert Downey jr.) e James Rhodes / War Machine (Don Cheadle), ribatezzato Iron Patriot per avere un’immagine meno aggressiva, devono affrontare una nuova minaccia per l’america nelle vesti del terrorista Mandarino (Sir Ben Kingsley) e dello scienziato Aldrich Killian (Guy Pearce). Per aggiungere un pizzico di dramma piscologico e difficoltà oggettive il povero Tony soffre di attacchi di panico a seguito di quanto accaduto ne Continua a leggere

La grigola

Esco di casa e vedo la gatta della mia vicina ferma ai bordi del campo in posizione di caccia. Sculetta e muove la coda rapidamente a destra e a sinistra. Si lancia e in un paio di salti prende la sua preda. Non ho il tempo di vedere bene cosa sia ma sembra una lucertola.

Una grigola, Grigua in genovese. Così le chiamava mio nonno quando voleva aizzare il suo cane. Prinz. Uno stupido barboncino bianco.”Prendi la grigola! Prendi la grigola!” gli gridava mentre il piccolo botolo
Continua a leggere

Post di merda

Seduto sul cesso in un lunedì mattina mi ritrovo a considerare la grande lacuna di questo luogo casalingo in cui passo maggior parte del mio tempo. Ci vorrebbe una bella libreria per colorare l’ambiente e soprattutto perché al bagno c’è il bisogno imprescindibile di leggere qualcosa ed è indispensabile evitare di ridursi a leggere le etichette del sapone (o peggio ancora qualche “novella 2000” o simili lasciati da altri) per avere qualcosa da fare e non stare lì a fissare il vuoto come un imbecille. La soluzione sarebbe non starci tanto ma è un momento sacro e imprescindibile, caratterizzato da un profondo dialogo interiore (più interiore di così), con quanto di meglio si ha da dare al mondo (secondo alcuni psicologi
Continua a leggere

Tipi fastidiosi

Se dovessi fare l’elenco delle cose che non mi piacciono e delle persone che mi danno fastidio credo che dovrei passare il resto della mia vita a elencare cose. Con il risultato di non riuscire nemmeno ad escludere me stesso. Si. Perché ci sono delle mattine in cui mi alzo e proprio non riesco a sopportarmi quindi diventa un’impresa titanica riuscire a sviluppare i principi basilari minimi della convivenza.

Ci sono gli egocentrici. Quelli che hanno bisogno dell’attenzione. E ne hanno talmente bisogno che spesso non riescono a capacitarsi del perché tu, piccola nullità, coso insignificante, messo lì di passaggio a vegetare in un buco spoglio (o troppo pieno), non gli dia attenzione. Perché, maledetto essere, non sei lì a scodinzolare ad ogni singola cazzata che esce dalla loro bocca idolatrando il verbo come fosse oro colato? Continua a leggere

Perle ai porci

Mi fanno notare le incredibili coincidenze della vita. La categoria di quelle che ti mettono alla prova e ti portano a confrontarti con quelle cose che tu normalmente non andresti mai a cercare. Di solito mi piace chiamarle “Leggi di Murphy” ma non questa volta, non c’è nulla di pessimo in tutto questo.

Anzi. Continua a leggere

Climax

Cervello pigro e spento. Un sopore da sinapsi intorpidite. La noia e nemmeno la voglia di pensare. Un solo pensiero che gira un po’ come un’impressione indefinita e senza forma. Noiosa pure lei. Come se tutto si riassumesse in una canzone.

Giusto, ecco, una canzone.

Ci sono quelle canzoni che Continua a leggere